Alimentazione

PCOS & INTEGRAZIONE: L’INOSITOLO

pcos

Come abbiamo già spiegato in articoli precedenti, tra gli aspetti principali della Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) abbiamo l’iperandrogenismo, ossia un eccesso di ormoni sessuali maschili in circolo, e l’insulino-resistenza, ossia una riduzione della risposta delle cellule all’insulina, a prescindere dal peso della donna e dal suo Indice di massa corporea. Infatti, tra le terapie farmacologiche di base ritroviamo l’uso di contraccettivi orali e di metformina. Negli ultimi 20 anni diverse ricerche scientifiche hanno mostrato l’efficacia dell’inositolo nel trattamento della sindrome dell’ovaio policistico, tant’è che attualmente rappresenta l’integrazione d’elezione. Allora, oggi approfondiamo l’argomento.

Che cos’è l’inositolo?

  • E’ noto anche con il nome di vitamina B7
  • si trova in determinati alimenti (noci, agrumi, tuorlo d’uova, cereali integrali) ma viene anche prodotto dal nostro corpo
  • E’ presente in diverse forme, di cui le principali sono il Myo-Inositolo (Myo-Ins) e il D-Chiro-inositolo (D-chiro-Ins).

La ricerca ha dimostrato che queste due forme presentano azioni biologiche differenti e di conseguenza agiscono in modo diverso sul quadro fisio-patologico della PCOS.

Più precisamente:

  • il Myo-Ins agisce principalmente sul quadro glicemico, tramite il controllo dell’assorbimento del glucosio dal sangue, e sul segnale dell’ ormone follicostimolante (FSH)- che sappiamo essere in concentrazioni alterate in pazienti affette da PCOS
  • il D-Chiro-Ins agisce invece principalmente sull’iperandrogenismo, in quanto regola la loro sintesi insulino-mediata

In condizioni fisiologiche, Il Myo-Ins rappresenta il 99% della riserva cellulare ovarica e viene convertito, solo in minima parte, nella forma D-Chiro-Ins.

In caso di iperinsulinemia , tipica condizione della PCOS, si ha un aumento della conversione del Myo in D-chiro-Ins, con successiva riduzione della concentrazione del primo.

Se quindi in una donna sana il normale rapporto tra Myo-Ins e D-chiro-Ins nel liquido follicolare è di circa 100:1, in quello di una donna affetta da PCOS, tale valore diminuisce drasticamente a 0,2:1.

Questo è il motivo per cui negli ultimi studi scientifici è stato osservato che un’integrazione di Inositolo risulterebbe utile e funzionale per ristabilire l’equilibrio fisiologico e quindi avere degli effetti positivi sulla sintomatologia della PCOS.

Ma quale dei due Inositolo è da prediligere?

In diverse ricerche si è posta l’attenzione sull’ una o l’altra forma, mostrando che:

  • Myo-Ins, in associazione all’acido folico, migliora il tasso di ovulazione, la qualità ovocitaria e la regolarità mestruale– è stato osservato un suo effetto positivo in pazienti che devono sottoporsi ad IVF, con miglioramento dei tassi di successo di tali percorsi
  • D-chiro-Ins riduce i livelli di androgeni liberi e l’insulino-resistenza periferica.

In entrambi i casi si assiste ovviamente ad un’attenuazione dei sintomi della PCOS, con aumento della fertilità della donna.

Ciò che però è stato mostrato è che un’integrazione combinata di entrambi, nel preciso rapporto di 40 Myo: 1 D-Chiro, risulterebbe essere l’approccio migliore per un miglioramento più efficiente dei parametri metabolici ed ormonali della PCOS.

In conclusione, bisogna precisare che tale integrazione resta comunque di competenza del professionista a cui decidete di affidarvi, in virtù del fatto che ogni paziente PCOS presenta degli aspetti peculiari che possono prevalere su altri.

Quindi, mi raccomando, nessun fai da te.

Autrice: Dott.ssa Arianna Izzo- biologo nutrizionista

 

____________

BIBLIOGRAFIA

Vittorio Unfer,1 John E. Nestler, Effects of Inositol(s) in Women with PCOS: A Systematic Review of Randomized Controlled Trials, Int J Endocrinol. 2016 Oct 23

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5097808/

 

 

 

Psicologia

La PCOS allo specchio: origine di un rapporto complicato

soddisfazione corporea pcos

Culturalmente siamo abituate a pensare al corpo e alla mente come a due cose connesse ma diverse, fatte di sostanze differenti: ci immaginiamo come una specie di matrioska in cui la mente è contenuta dentro alla materia corporea. Ma è davvero così?

Quando parliamo di identità, questa differenza dentro-fuori si rivela inutile in quanto l’identità corporea non sta tanto “dentro” al corpo, ma nel riconoscimento che viene fatto dagli altri, a conferma della nostra identità. Questo accade perché il corpo, ed in particolare alcune sue parti, sono portatori di un valore culturale molto specifico: esso concorre a definire il senso di identità personale.

Continue reading “La PCOS allo specchio: origine di un rapporto complicato”

Alimentazione

Vitamina D: preziosa alleata per la salute della donna con PCOS

pcos integratori

La vitamina D non è una “semplice” vitamina, ma può essere considerata un ormone steroideo vero e proprio.

Se fino a qualche anno fa l’importanza di questa era legata soprattutto alle sue funzioni sull’apparato scheletrico, oggi sappiamo le funzioni sono molteplici e forse non le conosciamo nemmeno tutte: Continue reading “Vitamina D: preziosa alleata per la salute della donna con PCOS”

Estetica, Psicologia

Autostima, PCOS e body confidence

body confidence

Tutte abbiamo usato almeno una volta nella vita il termine autostima e certamente spesso ne abbiamo sentito parlare. Ma sappiamo davvero cosa sia? E che attinenza ha con la PCOS? Continue reading “Autostima, PCOS e body confidence”

Alimentazione

Indice e carico glicemico

carico glicemico

Abbiamo visto come la dieta nella Sindrome dell’Ovaio Policistico sia un importante mezzo, associato ad altre terapie, per riequilibrare l’assetto ormonale.

A proposito di ormoni, per il trattamento dietetico della PCOS viene consigliata una dieta a basso indice glicemico.

Ma cos’è questo indice e come possiamo riconoscere gli alimenti più adatti? Continue reading “Indice e carico glicemico”