PCOS e salute

 

Nel 1984 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la salute come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o infermità“, per mettere in evidenza i tanti elementi che determinano lo stato di benessere o malessere delle persone.

Nonostante questa definizione di salute sia condivisa da trent’anni, ancora oggi l’approccio alla patologia organica è per lo più medico, e trascura invece l’importanza di fattori relazionali, sociali e mentali.

 

Questo accade spessissimo nella PCOS, che ancora oggi viene guardata e trattata solo nei suoi aspetti medici. Ma chi soffre di questa sindrome sa bene quanto influisca sulla qualità della vita, sulla percezione di sè, sul rapporto con il proprio corpo, sulla sfera di coppia e del desiderio sessuale durante un percorso di PMA, sull’umore, sul senso di solitudine.

Moltissime ricerche internazionali segnalano la presenza di livelli di ansia e depressione più alti nelle donne con Sindrome dell’Ovaio Policistico rispetto ad altre donne, così come sentimenti di inadeguatezza e disagio, introversione, inibizione e chiusura verso l’esterno, disturbi alimentari, disturbi del sonno, disfunzioni sessuali, fobia sociale e ansia legata ai contesti relazionali. 

Questo è sicuramente legato alle disfunzioni ormonali che, come è noto, hanno il potere di influire sul tono dell’umore. Ma non bisogna dimenticare che anche l’isolamento sociale, i canoni estetici a cui la società ci chiede di conformarci, la disinformazione sulla patologia, la difficoltà ad orientarsi fra le indicazioni mediche spesso discordanti, tutte queste cose influiscono moltissimo sul benessere della donna con PCOS.

 


Vuoi approfondire?

Acquista il libro della fondatrice di PCOS Italia, lo trovi su Amazon in versione e-book e cartacea: è la guida che ti serve per conoscere le implicazioni della PCOS sulla tua salute a 360°.

Visita la nostra sezione Articoli: troverai diversi contributi sul tema dell’alimentazione, scritti dalle due esperte psicologhe fondatrici di PCOS Italia.