PCOS e infertilità

La Sindrome dell’Ovaio Policistico è la causa più comune di infertilità femminile, correlata all’assenza di ovulazione. Molte donne non sanno neppure di soffrire di PCOS finchè non cercano, senza riuscirci, una gravidanza.

 

Nella PCOS le ovaie producono più androgeni del solito, interferendo con l’ovulazione.

Nelle ovaie sono presenti i follicoli, delle sacche che contengono al loro interno gli ovuli. Normalmente, quando l’ovulo diventa maturo, il follicolo scoppia rilasciando l’ovulo che può raggiungere così le Tube di Falloppio e può essere fecondato.

Nella PCOS i follicoli non maturi si raggruppano e formano delle cisti, gli ovuli maturano ma i follicoli non scoppiano e non consentono il loro rilascio.

 

Per questo motivo le donne con PCOS hanno cicli mestruali irregolari:

  • amenorrea (assenza dei cicli mestruale)
  • oligomenorrea (cicli che si presentano raramente o con ritmi alterati)
  • dismenorrea (cicli dolorosi)
  • cicli anovulatori (perdite di sangue ma senza ovulazione)

Le donne affette da PCOS hanno molta difficoltà a restare incinta, tuttavia il concepimento è possibile sia naturalmente, sia usando delle tecniche di fecondazione assistita.

 

 

La cosa più importante, alla base di qualunque trattamento per l’infertilità, è cambiare il proprio stile di vita:

  • perdere peso attraverso una dieta mirata e specifica per la PCOS
  • praticare più attività fisica

La perdita di peso favorisce la ripresa dell’ovulazione e contribuisce alla riduzione degli androgeni, aumentando così la probabilità di restare incinta sia naturalmente che attraverso un percorso di procreazione assistita.

 


Vuoi approfondire?

Visita la nostra sezione Articoli: troverai diversi contributi sul tema dell’alimentazione, scritti dalle professioniste del team di PCOS Italia.